Terremoto Centro Italia, “Un aiuto concreto”

Il 19 dicembre una delegazione della Misericordia di Monte San Savino, con a capo il Governatore Falchi Luciano, si è incontrata con alcuni membri del Circolo Dipendenti Gruppo Etruria per ricevere una donazione a favore del progetto “Un aiuto concreto” che verrà destinato alla popolazione della città di Treia. Qui trovate l’articolo uscito sul Corriere di Arezzo.

Se pur meno nota di Amatrice, Treia è un comune della Provincia di Macerata ricco di storia e di arte, che già aveva costruito legami con il comune di Monte San Savino grazie alla compagnia del Gioco del Pallone Grosso della Misericordia.

I contatti tra il Governatore e il Sindaco di Treia, Franco Capponi, con il supporto del Prof. Cungi Leone, hanno portato all’individuazione di un progetto di restauro in seguito ai danni provocati dal terremoto degli scorsi mesi.

Il progetto vede la ricostruzione della “casa” di uno dei simboli della città di Treia, il Santissimo Crocifisso, che in seguito al sisma non è più collocato nel pericolante Santuario che da lui prende il nome. La comunità francescana da sola non è in grado di sostenere le spese e si stanno raccogliendo fondi per affrontare gli elevati costi.

Nei mesi scorsi, da quando ad Agosto abbiamo aperto il conto dedicato esclusivamente alla sottoscrizione per il sisma del centro Italia, sono molte e di varie entità le donazioni ricevute sia da privati, dei quali per motivi di privacy non daremo nomi, sia di associazioni di vario genere tra cui il Gruppo Donatori Fratres Montecivi. Tra coloro che hanno mostrato una pronta sensibilità spiccano i ragazzi dell’U.S.D. Montagnano 1966, che hanno devoluto a questa causa il ricavato dell’annuale Triangolare calcistico “VI Memorial Jacopo Basagni“, al quale partecipano le società calcistiche dello Spoiano e di Alberoro.

Gli Amici del Monte, associazione socio-culturale di Monte San Savino che dal 2013 è impegnata nella promozione di eventi nel territorio comunale a sostegno delle altre associazioni paesane ha partecipato alla raccolta, così come l’Istituto Comprensivo Statale di Monte San Savino.

Il progetto “Un aiuto concreto” era nato con l’intento di destinare la somma finale raccolta ad un progetto ben preciso, individuato con l’aiuto delle istituzioni locali, che potesse essere concreto anche per chi, contribuendo economicamente alla raccolta, volesse un riscontro preciso della destinazione dei fondi. Fedeli alla parola data, invieremo il denaro e ne renderemo conto su questo ed altri canali e a chiunque abbia partecipato a titolo di contributo.

A marzo 2017, in occasione dei festeggiamenti per il patrono della Città di Treia, San Patrizio ci recheremo con una delegazione nei luoghi che avranno potuto usufruire della generosità dei contribuenti alla raccolta. La partecipazione è aperta a tutti e sarà l’occasione per avere un riscontro tangibile della generosità mostrata.

Related Post
0 Comments

leave a comment

uno × uno =